"A me interessa il viaggio ma anche le sue diramazioni. A me interessano le sfaccettature e i dettagli. Sprofondare nell'arte suave per riemergere di una sostanza fresca, contaminata dalle opportunità del sentire "marziale". Questo è il mio personale viaggio verso la "nera", questo è il mio piccolo contributo alla comunità del Jiu Jitsu."

giovedì 16 dicembre 2010

Training-day: 15 dicembre 2010

E' stata una serata dettata dalla volontà, quella silente, quella non resa a tutti i costi manifesta per cercare approvazione e consensi.
E' stata una conquista, quella che somiglia ad un vigoroso "passaggio di guadia".
Essere sul tatami ieri è stato così, un atto di volontà e poi partecipazione.
Una retta mentale.....una educazione mentale allo sforzo e alla rettitudine.

Abbiamo affrontato lo studio della 1/2 guardia in un contesto di "azione e reazione" e quindi abbiamo avuto l'opportunità di elaborare piani strategici.
Stare sotto adottando la 1/2 guardia può essere un'utile posizione difensiva e allo stesso tempo offensiva, soprattutto quando ci si trova a lottare con avversari più tecnici, più pesanti e con una discreta forza.
Occorre sperimentare con audacia la pressione che si prova nello stare sotto la 1/2 guardia per poi verificare i propri piani di attacco, quelli più congeniali ed efficaci.

Così, abbiamo provato ribaltamenti e presa della schiena avversaria e poi abbiamo studiato una efficace strategia di difesa-attacco quando l'avversario tenta di superare la guardia facendo passare il ginocchio in mezzo (inside  knee guard pass).

Poi, una volta conquistata la schiena, Gianfranco ci ha mostrato come inserire i ganci quando l'avversario è ben chiuso. Una serie di particolari che hanno reso la lezione davvero utile.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...