"A me interessa il viaggio ma anche le sue diramazioni. A me interessano le sfaccettature e i dettagli. Sprofondare nell'arte suave per riemergere di una sostanza fresca, contaminata dalle opportunità del sentire "marziale". Questo è il mio personale viaggio verso la "nera", questo è il mio piccolo contributo alla comunità del Jiu Jitsu."

venerdì 18 febbraio 2011

Intanto, mi muovo

tempo che passa
Non sono triste, nè affranto....ma un poco incazzato si!
Il tempo scivola via e faccio una fatica - tipica dell'uomo - nel comprendere che nessun secondo trascorso ha la capacità di tornare indietro, di riproporsi, di rimanere in una stasi congeniale alle orde dei desideri umani.
A volte il lavoro mi impegna nel tempo, nello spazio e prosciuga intenzioni.
Storia già vissuta ed abbondantemente confermata.

Quindi, mi sono trovato a saltare diversi allenamenti e spesso prosciugato di quelle forze necessarie con cui almeno tenere una appena sufficiente condizione atletica.

Martedì passato ho rispolverato, assieme ad alcuni nuovi appassionati della lotta senza gi, alcuni esercizi propedeutici al fine di impostare una corretta postura & mobilità per eseguire delle portate a terra.

Il primo esercizio che ho proposto è quello chiamato High-Crotch, ripetuto diverse volte per l'intera estensione del tatami ed eseguite con un buon ritmo.
Poi, l'abbiamo eseguito diverse volte in coppia rendendo il movimento più fluido ed aggiungendo (determinanti) dettagli, come qui spiegato dal grande Carl Adams:


Poi, abbiamo eseguito il classico esercizio di riscaldamento e condizionamento, chiamato
Pummeling:


Poi, lo stesso esercizio aggiungendo il movimento per entrare sotto il braccio, chiamato Duck Under:


La sensazione è stata ottima! Il giorno dopo le gambe erano provate ed anche sufficientemente indolenzite dai ripetuti affondi, profondi e bassi.

Il bello di questi esercizi è che si possono eseguire anche nel pieno marasma della nostra abitazione ed occorre solo uno spazio minimo.

Altro esercizio che ho rispolverato è stato quello chiamato Dive-Bomber push ups:

Esercizio molto impegnativo quest'ultimo, che metterà a dura prova la resistenza e la forza dei tricipiti.

Insomma, la sostanza è questa: nonostante impedimenti che a volte sono necessari (come spesso le pause), si può mantenere una forma fisica ed un approccio mentale fresco e preparato.

Oscar Wilde disse "La vita è quella cosa che ci accade mentre siamo impegnati a fare altro". Dopo un poco di moto ci vuole anche cibo per la mente!

1 commento:

  1. del resto........tu l'hai detto: non sono alto, particolarmente forte o sciolto..se non hai il fisico ehhhhhh......complimenti per la musica!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...